Padova, Presentato il nuovo corso di laurea magistrale “Food and Health”

L’Assessore regionale allo sviluppo economico, energia e innovazione Roberto Marcto, ha partecipato questa mattina al Palazzo del Bo, sede dell’Università di Padova, al convegno dal titolo “Cibo e salute: le nuove sfide” organizzato dal Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali e Dipartimento di Medicina dell’Università di Padova. Il convegno è stato organizzato per presentare il nuovo corso di laurea “Food and Health” proposto per il prossimo anno dall’Ateneo patavino. “È un vero piacere essere qui oggi alla presentazione di questo corso di laurea – ha detto l’Assessore regionale allo sviluppo economico -, dato che anche la Regione crede nello sviluppo di questo  ambito, in collaborazione con le Università, tanto che sono ben quattro le Reti Innovative Regionali, frutto del progetto innovativo di sviluppo che abbiamo presentato proprio qui all’Università di Padova in aula magna quattro anni fa”.  Nell’ambito di specializzazione intelligente SMART AGRIFOOD si inseriscono infatti, particolare 4 RIR che coinvolgono 223 aziende. Si tratta di INNOSAP – Innovation for Sustainability in Agrifood Production; RIAV – Innovazione efficiente per la filiera agroalimentare; RIBESNET – Rete Innovativa per l’ecosistema salute e alimentazione dello sport; Cluster Biologico Veneto. “In occasione di quella presentazione – ha sottolineato ancora l’Assessore regionale – il Magnifico Rettore la definì una “rivoluzione copernicana” perché le RIR mettono in sinergia per la prima volta Regione, Università e Imprese. La sfida che vogliamo con queste reti affrontare è quella di unire le competenze e le risorse per lo sviluppo economico e innovativo della nostra Regione. Le Reti Innovative Regionali sono uno strumento innovativo, rivoluzionario e straordinario – ha inoltre puntualizzato – che la Regione ha fortemente voluto mettere in campo perché mette a sistema aziende, università e il mondo delle associazioni di categoria per generare innovazione e ricerca direttamente nei territori. La Regione, infatti, ha stanziato a favore di questo nuovo modello di sviluppo, frutto del gioco di squadra, 54 milioni di euro, per creare nuove opportunità e nuovi modelli di business che sappiano sfruttare i benefici che l’innovazione tecnologica ha introdotto in questi anni”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.