Reddito di Cittadinanza: ecco chi controlla INPS e Agenzia delle Entrate

I beneficiari della misura di sostegno economico istituita con il  Reddito di Cittadinanza sono sotto controllo da parte dell’INPS e dell’Agenzia delle Entrate che, di fatto, entrano nei conti correnti.

L’INPS e l’Agenzia delle Entrate controllano anche buoni fruttiferi, deposti bancari, fondi pensione. Possono anche monitorare la gestione del risparmio, le obbligazioni e tutti i movimenti bancomat, carte di credito e finanziamenti.

Inoltre possono monitorare gli assegni, le transazioni e le bollette associate al conto corrente. Non si possono controllare i prelievi dal conto, che sono liberi.

Questi controlli sono necessari per stabilire se il soggetto che al momento beneficia del Reddito di Cittadinanza possieda e continua a possedere i requisiti imposti.

I controlli sono effettuati dall’INPS, dall’Agenzia delle Entrate, dalla Commissione Tributaria e dalla Guardia di Finanza.

Considerata la misura di controllo messa in atto, il Garante della privacy ha richiamato al rispetto delle norme a tutela dei dati personali, per evitare che le banche e gli altri enti siano esposti a reclami per violazione delle leggi sul trattamento dei dati.

Per evitare i reclami, enti ed istituti bancari devono dimostrare di aver adempiuto alle norme prescritte dal Garante della privacy, in particolare:

le modalità di trattamento e conservazione dei dati personali;

l’adempimento degli obblighi di informazione dell’utente controllato;

la logica del trattamento automatizzato dei dati.

Intanto la fase due prevista con l’introduzione del Reddito di Cittadinanza prende avvio in questi giorni: dai Centri per l’Impiego sono in partenza 120 mila convocazioni; previste sanzioni per chi non si presenta.

Il Reddito di Cittadinanza entra nel suo vivo e si trasforma da mero sussidio economico a misura di politica attiva e di concreta inclusione sociale.

Secondo Domenico Parisi, presidente dell’Agenzia Nazionale Politiche Attive sul Lavoro, tutto sarà pronto per il prossimo 24 giugno. Puoi saperne di più cliccando su qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.