Trevi Nel Lazio, Lo scontro è tra la politica concreta di “Trevi Nel Futuro”, contro quella menzognera di “Unione e Cambiamento”

Oggi si conclude la campagna elettorale per le amministrative di Trevi Nel Lazio, questa sera si chiuderà con gli ultimi comizi dei due schieramenti, la lista “Trevi Nel Futuro” guidata dal Sindaco uscente Silvio Grazioli e la lista “Unione e Cambiamento” guidata dal candidato Vincenzo Cecconi.

In quest’ultimo periodo si è palesato davanti agli occhi di tutti i cittadini elettori la politica dei due schieramenti: quella chiara diretta e concreta di Trevi Nel Futuro  e quella ambigua, distorta, menzognera di “unione e Cambiamento”.  Citando Giuseppe Mazzini: “La politica senza morale, è brigantaggio”, è vero:  e allora  che politica può essere quella che non propone nulla di concreto, ma è alimentata dall’invidia e dall’odio, e butta fango denigrando gli altri, cosa di buono può dare questo tipo di politica ad una comunità che vuole crescere ed essere coesa e solidale ? Nulla assolutamente nulla.  Ad oggi non si è capito ancora qual è il programma di Unione e Cambiamento, nei comizi si è parlato del Sindaco Silvio Grazioli di quello che secondo loro ha fatto male, ha sbagliato a fare, e che non è capace di fare, ma del loro programma delle cose concrete che vogliono fare, delle idee che hanno, della progettualità che vogliono attuare in caso di vittoria, non hanno detto assolutamente nulla!!! Certo se poi parlano di istituire il Consiglio di Comunità agli Altipiani di Arcinazzo per dare autonomia ai cittadini, allora si va proprio sul ridicolo, ma d’altronde se non si hanno argomentazioni, ci si può arrampicare all’infinito sugli specchi, ma dalla realtà non si sfugge. Al contrario i cinque anni di gestione Grazioli, hanno segnato importanti risultati, sotto gli occhi di tutti, certo tranne però ai mistificatori della realtà. In questi cinque anni  l’Amministrazione Grazioli, in modo concreto ed inconfutabile è riuscita ad abbassare le tasse l’Imu da 8,2 % a 7,5%  dal 2016 per un risparmio complessivo per i cittadini per oltre  € 200 mila, la TARI (tassa  rifiuti)   meno €43 mila per le attività commerciali con un risparmio dal 2016 di € 172 mila e per i prossimi 5 anni l’impegno è di ridurre un ulteriore 0,5% per l’Imu ed arrivare al 7% e riduzione della TARI per i cittadini a seguito della raccolta differenziata.

Per gli Altipiani di Arcinazzo, che sono una  parte integrante del tessuto di Trevi Nel Lazio, in questi 5 anni, c’è stata una grande riqualificazione,  da un punto di vista urbanistico con la realizzazione di diversi tratti di marciapiedi, che offrono una maggiore sicurezza ai pedoni, con la realizzazione  della videosorveglianza, sono stati implementati alcuni servizi importanti come il bancomatt, la guardia medica estiva, promesse mantenute dall’Amministrazione Grazioli che valorizzano un’area importante dal punto di vista turistico-ambientale, fatti concreti e non chiacchiere !!!

Come può Unione e Cambiamento negare le tante le opere realizzate in questi 5 anni  e diverse in corso d’opera?

 

   Grande attenzione è stata data alla cultura ed al turismo: la sinergia nata con l’Accademia Reale di Spagna per la valorizzazione delle tele dell’artista Rizi ubicate nella collegiata di Trevi;  la risonanza data alle opere d’arte presenti a Trevi non ha eguali con numerose iniziative di spessore;  la partecipazione al bando Città della Cultura, la presenza alla vetrina nazionale WEGIL; i risultati del bando “Ricerca e Sviluppo di Tecnologie per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale” dei 49 progetti finanziati ha visto il Castello Caetani al 27° posto , ( un progetto di cui lo stesso comune di Trevi Nel Lazio ne è capofila), ed ha preceduto il progetto legato al Colosseo di Roma classificato al 30° posto; inoltre l’arte sui cammini finanziate dalla Regione Lazio, il progetto culturale con la città di Montreal ed il centro culturale “Leonardo da Vinci” per portare nel Nord America le eccellenze artistiche, culturali ed enogastronomiche del territorio e molte altre iniziative. Questo è il percorso giusto di promuovere il territorio e fare turismo in ogni sua forma, come quello sportivo offrendo strutture nuove come un campo di calcio in erba naturale, che quest’anno ha ospitato il ritiro pre campionato del Foggia Calcio.  Il libro di Trevi Nel Futuro è fatto di concretezza, di sviluppo e crescita,  quello delle favole, delle chiacchiere, della mistificazione della realtà  fa parte invece del DNA di “Unione e Cambiamento”.

“La nostra lista Trevi Nel Futuro –ha sottolineato  Silvio Grazioli durante un comizio- è composta da persone legate a questo territorio, che lo amano  in modo intenso , che lo vivono  ed allo stesso tempo guardano al futuro oltre i confini di Trevi. Sono sicuro che uniti supereremo tutte le nefandezze, le falsità, le denigrazioni, le maldicenze che ci hanno gettato addosso, la gente sa discernere, sa capire ciò che è vero dal falso, ciò che è menzognero dalla verità, sa apprezzare la lealtà delle persone che ti parlano guardandoti negli occhi, a differenza di chi ti parla vigliaccamente dietro le spalle insultandoti e denigrandoti”, ecco la politica di Trevi Nel Futuro, è  una politica con la morale, concreta, produttiva e costruttiva , che Trevi merita di avere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.